Traduzione Sito
Translate to English Translate to French Translate to German Translate into Dutch Translate to Swedish Translate to Japanese
Translate in Polish Translate to Danish Translate to Czech Translate to Portuguese Translate to Spanish Translate to Turkish
Citazioni
La più grande debolezza della violenza è l'essere una spirale discendente che dà vita proprio alle cose che cerca di distruggere.
Invece di diminuire il male, lo moltiplica.

Martin Luther King
Box Contatti
• Web-Mail
• Skype me
Cerca nel sito



01. Prefazione dell'autore

"Zarathustra è tornato" è un breve romanzo.  La sua genesi è assai tribolata e tormentata ed è durata quasi tre anni. Nonostante la ridotta lunghezza ha comportato un lavoro di ricerca decisamente importante, che mi ha visto spaziare dall'AVESTA e i testi zoroastriani antichi, passando per i testi di Friedrich Nietzsche e per giungere ad Hermann Hesse, il cui scritto minore "Il ritorno di Zarathustra" ne costituisce l'originaria ispirazione.

Questa novella ha le proprie radici in una personale convinzione, che è anche il fondamento del mio personale relativistico nichilismo. L'unica strada che possa condurre ad una piena realizzazione del proprio essere è la conoscenza di sè stessi. Questa via difficile e impervia passa per uno stato perennemente incompiuto del proprio essere: essere se stessi.

L'incompiutezza di questo stato deriva dal fatto che esso porta alla realizzazione personale attraverso un difficile cammino personale verso la verità, la crescita e lo sviluppo.

Non si tratta di un cammino facile. E', altresì, un cammino impervio irto di ostacoli e impedimenti, contrapposto al disegno del mondo, che preferirebbe persone rassegnate, e deboli, piuttosto che tenaci e volitive.

Un simile percorso richiede lo sforzo di una autentica lotta per la vita, tipica di chiunque voglia contare per ciò che realmente è e per la proprie capacità ed affermare la propria individualità. Un simile percorso è personale, ma non per questo solitario.

A tutti coloro che lo intraprendono è richiesto, infatti, di decidere individualmente. Queste decisioni richiedono la conoscenza di se stessi, delle proprie forze e delle proprie esigenze. Camminando, come un acrobata su una fune tesa, è necessario assumerne il rischio fono in fondo, decidendo ad ogni passo fino a che punto sottomettersi alle convenzioni imposte dall'esterno, o piuttosto sfidarle.

Ogni decisione comporta un rischio e non è possibile predeterminare alcuna misura preventiva del rischio che ciascuno di noi è in grado di assumersi e di sopportare. Ogni eccesso ed ogni supermento della propria individuale misura comportano un costo che dovrà essere scontato. Ognuno ha un proprio limite personale che dovrà necessariamente comprendere, oltre al quale non gli è consentito di andare impunemente. 



OFiUCUS 3.0
Contenuti
 Ebooks Free
 Share on Twitter Share on Facebook
Box Preferenze
Login:
Password:

Iscriviti
Richiesta password
Calendario
Info Sito
Utenti online :
Utenti iscritti : 0
Visitatori: 1
Totale: 1
Statistiche :
Utenti iscritti: 0
Visite al sito: 8701
Visite odierne: 1
Record online: 37
(il 6/11/2014 - 21:57)
Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere informazioni sulle novità di questo sito.

  Iscriviti
  Cancella

  Iscritti : 0

Box Preferenze
Login:
Password:

Iscriviti
Richiesta password

Up New-CMS 2.9.1 Valid CSS Valid html 5 GNU General Public License Up
This page was created in 0.0201 seconds
Contenuto del div.